Prevenzione delle infezioni del sito chirurgico (ISC) in interventi di protesi articolari (ISChIA)

Starting date
November 21, 2011
Duration (months)
12
Departments
Diagnostics and Public Health
Managers or local contacts
Tardivo Stefano
Keyword
prevenzione, infezioni, artoprotesi

Gli interventi di artroprotesi.
La motivazione è duplice:
• si tratta di interveti frequenti (ogni anno in Italia vengono effettuati circa 80.000 interventi di sostituzione protesica d’anca e circa 40.000 di ginocchio),
• il rischio correlato di infezioni del sito chirurgico(ISC), pur mostrando un andamento in diminuzione, si attesta oggi intorno al 2,5% e le ISC si associano ad elevati costi per il SSN.
Da quando è stata dimostrata una chiara associazione tra sistema di ventilazione, contaminazione microbica dell’aria e ISC, si raccomanda di effettuare
interventi di artroprotesi in sale operatorie ultraclean; tuttavia, recenti studi non supportano tale raccomandazione. Considerando gli elevati costi dell’installazione dei sistemi di ventilazione a flusso d’aria unidirezionale, diviene fondamentale dimostrarne la costo-efficacia.
Inoltre l’evoluzione nelle tecniche chirugiche, nelletecnologie protesiche e tecnologie impiantistiche potrebbe modificare il rischio di ISC e rendere appropriati nuovi approcci di sorveglianza. Nell’ambito del presente convegno, come punto di partenza per il dibattito, saranno presentati i risultati di un progetto
multicentrico di sorveglianza promosso dal GISIO,denominato Progetto ISChIA (Infezioni Sito Chirurgico in Interventi di Artroprotesi) e finanziato dal CCM
(Centro Nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie) del Ministero della Salute. Seguiranno una serie di interventi finalizzati ad analizzare le prospettive della chirurgia protesica in un’ottica multidisciplinare, al fine di delineare strategie di sorveglianza e prevenzione delle ISC costo-efficaci.

Sponsors:

Funds: assigned and managed by the department

Project participants

Research areas involved in the project
Public, Environmental & Occupational Health

Activities

Research facilities