Il lavoratore anziano: capacità funzionali, incidenza di malattie lavoro-correlate e usura da lavoro

Data inizio
19 dicembre 2002
Durata (mesi) 
24
Responsabili (o referenti locali)
Costa Giovanni

Data la complessità del problema e la scarsità di studi al riguardo, per lo meno a livello nazionale, è stato scelto un approccio estensivo ed articolato, volto ad esplorare i principali aspetti fisiopatologici, cognitivi, psicosociali e organizzativi che possono condizionare, sia positivamente che negativamente, il mantenimento di una soddisfacente attività lavorativa del lavoratore anziano, in particolare:

1. Parametri descrittivi dell’attività lavorativa e dei suoi cambiamenti in funzione dell’invecchiamento del personale, con particolare riguardo alla distribuzione dei compiti, formazione, sviluppo di carriera, costi.
2. Parametri descrittivi delle condizioni di lavoro, con particolare riferimento a rischi e vincoli di tipo fisico (sollevamento carichi, sforzi, posture incongrue), cognitivo-organizzativo (valutazione del carico psico-fisico, grado di autonomia, orarti di lavoro, pressioni temporali) e psicosociale (relazioni lavorative e sociali, sostegno sociale);
3. Parametri socio-anagrafici e di inter-relazione con l’ambiente extralavorativo, quali in particolare: sesso, titolo di studio e formazione professionale, personalità, situazione familiare, impegni domestici, tempi di viaggio casa-lavoro.
4. Parametri di valutazione della capacità funzionale di lavoro, del livello di soddisfazione e di coinvolgimento lavorativo.
5. Parametri per la valutazione delle condizioni di salute, sia di tipo di tipo soggettivo (percezione del livello di stress, di capacità lavorativa, di salute) sia di tipo oggettivo (rilevazioni di parametri clinici e biochimici, esito di visite mediche periodiche);
6. Parametri per la valutazione dell’usura: dimissioni, turn-over interno, assenteismo, indicatore di “tendenza globale” e di “uscita”.

Settori lavoratori e soggetti interessati
La ricerca si indirizzerà ai seguenti settori lavorativi:
a) sanitario
b) chimico
c) metalmeccanico

Nel settore sanitario verranno esaminati in particolare:
- 2000 lavoratori ospedalieri, afferenti ai diversi ruoli (medico, paramedico, tecnico, amministrativo), opportunamente bilanciati per sesso ed età (4 decadi tra 26 e 65 anni), verranno esaminati mediante i questionari 1-5 (cfr. Sezione C.3. Strumenti operativi) e la registrazione dei dati sanitari delle visite preventive e periodiche;
- 2000 infermieri, di entrambi i sessi e delle diverse decadi di età, rappresentativi del personale infermieristico italiano, verranno sottoposti ai questionari 7.1-7.5 (cfr. sezione C.3. Strumenti operativi).
Nei settori chimico e metalmeccanico verranno esaminati 1000 persone di sesso maschile, equamente ripartiti tra i due settori e bilanciati per età, equamente suddivisi in 4 decadi tra 26 e 65 anni. Essi saranno sottoposti ai questionari 1-5 e verranno raccolti i dati sanitari registrati nelle cartelle cliniche relative alle visite mediche preventive e periodiche.
Complessivamente verranno prese in considerazione 5000 persone.

Enti finanziatori:

ISPESL
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Federica Baltieri
Giovanni Costa
Samantha Sartori

Collaboratori esterni

Norma Barbini
INRCA, Ancona
Donatella Camerino
Università di Milano

Attività

Strutture